Rosa CANOSA, Il titolo comitale nella prima età normanna,

Rosa Canosa, Il titolo comitale nella prima età normanna: un esperimento di contestualizzazione, Thèse de doctorat soutenue en 2012, (dir. G. Sergi, Università degli studi di Torino)

 

Résumé/abstract :

This PhD thesis reconsiders the issue of the continuity elements in Southern Italy after the Norman conquest (eleventh–twelfth centuries), claiming that the changes in the Southern Italian political frameworks due to the strengthening of Norman powers were more noteworthy than generally recognised by scholars, as one can see by the exam of the count title (comes in Latin). Through the analysis of three main factors (i.e. the function and the social status of the counts; the nature of the wielded power and its territorial dimension) the author can prove the count title to be an important and very useful key to better understand how and how much the local élite could really continue to hold the power and to share it with the Normans (i.e. the new rulers).

***

La storiografia sui Normanni d’Italia si è da sempre confrontata con un problema identitario. La conquista normanna ha, infatti, introdotto nuovi protagonisti nel panorama politico dell’Italia del Sud, già molto vario. Si è reso necessario, dunque, da un lato indagare le permanenze e i fattori di discontinuità nei quadri istituzionali e politici; dall’altro lato, esaminare gli elementi di raccordo fra conquistatori ed élites locali. Questa tesi si inserisce all’interno di questi due filoni di indagine tradizionali, per riesaminare il problema degli elementi di continuità fra i ceti dominanti dopo la conquista (metà secolo XI-inizi XII) attraverso l’esame della titolatura e nello specifico del titolo comitale, scelto come filo conduttore perché si colloca alla convergenza di tre dimensioni diverse: la funzione e lo status sociale dei soggetti titolati, la natura del potere esercitato, e la dimensione territoriale della carica. Le indagini sono state svolte negli antichi principati longobardi, soprattutto quelli di Capua e di Benevento, e nell’antico Tema di Longobardia. Sono emersi alcuni mutamenti significativi. In primo luogo fra i detentori del titolo comitale, che dopo la conquista sono quasi unicamente normanni: i rari casi di conti longobardi (nel secolo X il titolo di conte aveva sostituito quello di gastaldo fra i Longobardi meridionali) che mantennero il titolo sotto il dominio normanno, mostrano un adeguamento sostanziale alle nuove forme di esercizio del potere diffuse dai Normanni. Anche sul piano dell’organizzazione territoriale sono stati individuati cambiamenti di rilievo, che hanno mostrato l’inadeguatezza della nozione di ‘contea normanna’ come rimando a modelli ben definiti: le tipologie di specificazione territoriale del titolo comitale ‘alternative’ all’uso del termine comitatus sono varie e rimandano alle diverse strutturazioni che i singoli conti diedero ai loro ambiti territoriali. È stato così possibile sfumare un’opposizione frequentemente proposta dagli storici fra la capacità di sopravvivenza e di integrazione dell’antica nobiltà longobarda dei principati con i nuovi dominatori, soprattutto attraverso i matrimoni misti, e la rottura provocata dalla conquista normanna nell’antico Tema di Longobardia, dove l’assenza di un preesistente ceto comitale di lingua latina e di religione cristiana rendeva più evidente il cambiamento. Nel corso del lavoro è stato possibile osservare che anche negli antichi principati longobardi, dove questo ceto era presente e dominante al momento dell’arrivo dei Normanni, emerge un mutamento molto più profondo di quanto si sia finora pensato. E che se è vero che i Normanni si ispirarono in vari modi alla tradizione di potere pubblico dei principi e dei re longobardi, è altrettanto evidente che essi costruirono empiricamente il loro potere usando materiale eterogeneo, ma soprattutto una superiorità politica che li rendeva di fatto i nuovi detentori del potere pubblico.

[Source : http://dott-sts.campusnet.unito.it/do/home.pl/ViewMobile?doc=Tesi_di_dottorato/tesi_discusse.html ]

 

 


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.