Archives de catégorie : Italie / Italy

Centro Europeo di Studi Normanni (CESN)

Centro Europeo di Studi Normanni (CESN)

http://www.cesn.it/

 

Description :

 

Il C.E.S.N. (Centro Europeo di Studi Normanni) è sorto il 07 ottobre 1991, per iniziativa di un gruppo di studiosi italiani, francesi e inglesi, al fine di promuovere attività di ricerca e formazione sulla Civiltà Normanna nell’Europa Medievale.

In questi anni il C.E.S.N. ha dato vita a molteplici attività di ricerca, formazione, divulgazione storico-scientifica, convegni di studio e pubblicazioni.

 

Contacts :

 

Via Marconi, 25

83031 Ariano Irpino (AV)

Tél. +39 0825.827952

Fax +39 0825.829815

info@cesn.it

 

Sécretariat

Gianluca Tucci

+39 339.5238453

Centro di studi normanno-svevi

Centro di studi normanno-svevi – Università degli Studi « Aldo Moro »

http://www.storiamedievale.net/centrostudi/

 

Description :

 

Il Centro di Studi Normanno-Svevi, istituito presso l’Università di Bari ed eretto ente morale con D.P.R. 21 maggio 1963, «tende a promuovere e favorire (con carattere strettamente universitario) gli studi sul periodo normanno-svevo, specie per la parte riguardante la Puglia e la Lucania sotto tutti gli aspetti: letterario, storico, giuridico, economico, politico, artistico»(dall’art. I dello Statuto).

Il Centro organizza ogni due anni, dall’ottobre 1973, un Convegno internazionale, le «giornate normanno-sveve», su nodi storiografici e temi di rilievo relativi al Mezzogiorno dei secoli XI-XIII.

Allo stesso tempo il Centro intende promuovere una efficace e costante trasmissione dei risultati della ricerca scientifica (di cui gli Atti delle «giornate» costituiscono un patrimonio prezioso), sia pubblicando una «collana» di volumi, sia con seminari e conferenze rivolte anche ai non specialisti.

Il Centro si propone inoltre di istituire forme stabili di confronto anche con gli operatori della didattica e del mondo della scuola. A tal fine nel corso degli anni accademici 2005-08 il Centro ha organizzato stages sulla storia del Mezzogiorno medievale, ed in particolare sulle fonti dell’età normanna e sveva, incentrato sui risultati delle precedenti «giornate normanno-sveve».

 

Contacts :

 

Università degli Studi « Aldo Moro »

Palazzo Ateneo, piazza Umberto I, 70121 Bari

tél. +39 080-5714317 (direzione)

 

Directeur

Pasquale Cordasco, Università di Bari

 

Sandro Carocci, Signorie di Mezzogiorno

Sandro Carocci, Signorie di Mezzogiorno. Società rurali, poteri aristocratici e monarchia (XII-XIII secolo), Roma (Viella) 2014.

 

Résumé/abstract :

 

Qual era il vero volto della signoria nel Mezzogiorno italiano? Cosa può apportare il Sud alle grandi discussioni sul feudalesimo e sui poteri aristocratici, sulla loro struttura e sulla loro evoluzione, sul loro impatto economico e sociale? Che contributo può venire dal Regno di Sicilia agli studi sulla dialettica che avveniva fra sovrani, nobiltà e società contadine? E poi, lo studio dei poteri signorili e delle società rurali può riconfigurare le classiche tematiche meridionali dell’arretratezza economica e della centralità monarchica?

 

Questo libro costituisce la prima analisi sistematica sulla signoria nel Mezzogiorno durante l’epoca normanno-sveva e primo-angioina. Offre nuove interpretazioni sul potere della nobiltà, sulle società rurali e sulla politica monarchica. Mostra come fra re, nobili e contadini si attuò un gioco complesso, condotto attraverso le leggi e la violenza, i rapporti feudali e gli investimenti economici, le discussioni sulla libertà e la servitù, lo sfruttamento di uomini e risorse naturali. I suoi protagonisti sono mondi contadini dal dinamismo finora insospettato, re determinati a limitare il potere aristocratico, e nobili costretti ad adattare la propria signoria alla forza delle società rurali e della politica monarchica. Ne esce un Mezzogiorno finora sconosciuto, vitale e articolato, la cui lettura permette di comprendere meglio non solo le vicende del meridione, ma quelle di molte altre regioni.

 

Lien/Link http://www.viella.it/libro/9788867283224

Julia Becker, Documenti latini e greci del conte Ruggero I di Calabria e Sicilia

Julia Becker, Documenti latini e greci del conte Ruggero I di Calabria e Sicilia. Edizione critica, Ricerche dell’Istituto Storico Germanico di Roma 9, Roma 2013.

 

Résumé/abstract :

Dopo la conquista della Calabria meridionale e della Sicilia (fine dell’ XI secolo), il conte Ruggero I si concentrò sul consolidamento del potere all’interno dei propri domini. Attraverso la riorganizzazione dell’amministrazione e delle strutture ecclesiastiche Ruggero pose le basi per lo sviluppo della monarchia normanna nel Mezzogiorno.

 

Nonostante la sua importanza storica mancavano finora una raccolta e un’edizione critica dei documenti da lui prodotti: l’ultimo tentativo di pubblicare gran parte dei diplomi risale ai secoli XVIII-XIX. Tale situazione documentaria ha contribuito a far sí che la figura del primo conte di Sicilia sia stata oggetto di scarso interesse storiogra- fico. Il libro raccoglie per la prima volta tutti i documenti greci e latini di Ruggero, alcuni dei quali inediti. Attraverso un apparato critico e un dettagliato commento diplomatico e contenutistico di ogni documento il libro apre la strada a possibili nuovi studi sulla storia siculo-normanna.

 

Lien/Link http://www.viella.it/libro/9788883347474

 

Paul Oldfield, Sanctity and Pilgrimage in Medieval Southern Italy

Paul Oldfield, Sanctity and Pilgrimage in Medieval Southern Italy, 1000-1200. Cambridge: Cambridge University Press, 2014.

 

Résumé/abstract :

Southern Italy’s strategic location at the crossroads of the Mediterranean gave it a unique position as a frontier for the major religious faiths of the medieval world, where Latin Christian, Greek Christian and Muslim communities coexisted. In this study, the first to offer a comprehensive analysis of sanctity and pilgrimage in southern Italy between 1000 and 1200, Paul Oldfield presents a fascinating picture of a politically and culturally fragmented land which, as well as hosting its own important relics as important pilgrimage centres, was a transit point for pilgrims and commercial traffic. Drawing on a diverse range of sources from hagiographical material to calendars, martyrologies, charters and pilgrim travel guides, the book examines how sanctity functioned at this key cultural crossroads and, by integrating the analysis of sanctity with that of pilgrimage, offers important new insights into society, cross-cultural interaction and faith in the region and across the medieval world.

 

Lien/Link

http://www.cambridge.org/sz/academic/subjects/history/european-history-1000-1450/sanctity-and-pilgrimage-medieval-southern-italy-10001200?format=HB

Nef Annliese, Conquérir et gouverner la Sicile islamique aux XIe et XIIe siècles

Nef Annliese, Conquérir et gouverner la Sicile islamique aux XIe et XIIe siècles (B.E.F.A.R.), Rome, 2011.

 

Résumé/abstract :

Conquérant la Sicile à partir du milieu du XIe siècle, les Hauteville sont les premiers à mettre en place un gouvernement qui se définit comme chrétien et, au moins en partie, de langue latine, tout en exerçant ses prérogatives sur une population majoritairement musulmane et arabophone. Pour ce faire, ils élaborent progressivement des instruments de gouvernement, mais se font aussi les mécènes d’une production culturelle qui a suscité admiration et commentaires jusqu’à aujourd’hui.

Cet ouvrage se présente comme une enquête sur les différentes dimensions du pouvoir des Hauteville de la conquête de la Sicile à la fin du XIIe siècle (politique linguistique, construction d’un État, mécénat, mais aussi contrôle des populations et du territoire). Il vise à dé-mythifier les représentations que l’on a souvent de ce long siècle de « tolérance », mais aussi à déconstruire l’idée que l’échec de la dynastie était écrit d’avance. Il postule néanmoins que la construction « normande » en Sicile demeure originale et novatrice et qu’elle fournit des éléments de comparaison utiles à tous ceux qui analysent les situations de conquête et de gouvernement minoritaire en contexte multiculturel.

 

Lien/Link http://www.publications.efrome.it/opencms/opencms/conqu%C3%A8rir_et_gouverner_la_sicile_islamique_aux_xie_et_xiie_si%C3%A8cles_d9e77dd7-e8e0-11e0-bed9-000c291eeace.html

Eleni Tounta, Medieval Mirrors of Power

Eleni Tounta, Medieval Mirrors of Power. Historians and Narratives in Norman Italian South [Μεσαιωνικά κάτοπτρα εξουσίας. Ιστορικοί και αφηγήματα στο Νορμανδικό Ιταλικό Νότο], Athens 2012.

Cartolario del Monastero di S. Sofia di Benevento (VIII – XIII sec.)

Responsables du projet/Project leaders : Errico Cuozzo e Jean Marie Martin

 

Établissements principaux/Main institutions : CESN (Centro Europeo di Studi Normanni, Ariano Irpino)

 

Description :

Edizione delle pergamene (per un totale di circa 450 documenti) conservate nei tre fondi: Frascati, Archivio Aldobrandini, fondo Documenti Storici Abbadie; Roma, Biblioteca Apostolica Vaticana, codd. Vat. Lat. 13490 e 13491; Benevento, Museo del Sannio, Fondo Santa Sofia.

[Lien/Link : http://www.cesn.it/index-10.html ]

Hervin Fernández Aceves, County and Nobility in Norman Italy (1130–1189)

Hervin Fernández Aceves, County and Nobility in Norman Italy (1130–1189), Thèse de doctorat soutenue en 2017 (Université de Leeds)

Continuer la lecture de Hervin Fernández Aceves, County and Nobility in Norman Italy (1130–1189)

Rosa BACILE, ‘The ‘Dynastic Mausolea’ of the Norman Period,

Rosa Bacile, ‘The ‘Dynastic Mausolea’ of the Norman Period in the South of Italy, c. 1069-1189: A Study on the Form and Meaning of Burial Monuments in the Middle Ages’, Thèse de doctorat soutenue en 2010, (dir. Jeremy Johns, The Khalili Research Centre for the Art and Material Culture of the Middle East)

 

[Lien/Link :  http://krc.orient.ox.ac.uk/krc/index.php/en/students ]

Francesco DI BARTOLO, Abitati rupestri e città fortificate nella Sicilia occidentale dai bizantini ai normanni

Francesco Di Bartolo, Abitati rupestri e città fortificate nella Sicilia occidentale dai bizantini ai normanni, Thèse de doctorat soutenue en 2015, (dir. G. Vespignani, Università di Bologna)

 

Résumé/abstract :

 

La ricerca effettuata, analizza in modo razionale ma contestualmente divulgativo, le dinamiche insediative che hanno caratterizzato il paesaggio della Sicilia occidentale dall’occupazione bizantina al dominio da parte dei Normanni ( 535-1194 d.C. circa ). Il volume presenta una chiara raccolta dei documenti e delle fonti letterarie che riguarda gli abitati rurali ed i borghi incastellati della Sicilia occidentale e pone l’interesse sia per la cultura materiale che per la gestione ed organizzazione del territorio. Attraverso i risultati delle attestazioni documentarie, unite alle ricerche archeologiche ( effettuate nel territorio preso in esame sia in passato che nel corso degli ultimi anni ) viene redatto un elenco dei siti archeologici e dei resti monumentali ( aggiornato fino al 2013-14 ) in funzione della tutela, conservazione e valorizzazione del paesaggio. Sulla base dei documenti rinvenuti e delle varie fonti prese in esame ( letterarie, archeologiche, monumentali, toponomastiche ) vengono effettuate alcune considerazioni sull’insediamento sparso, sull’incastellamento, sulle istituzioni e sulla formazione delle civitates. L’indagine svolta, attraverso cui sono stati individuati i documenti e le fonti, comprende anche una parziale ricostruzione topografica dei principali centri abitativi indagati. Per alcune sporadiche strutture medievali, talvolta raffigurate in fortuite stampe del XVI-XVII secolo, è stato possibile, in aggiunta, eseguire un rilievo architettonico. La descrizione degli abitati rurali e dei siti fortificati, infine, è arricchita da una serie di schede in cui vengono evidenziati i siti archeologici, i resti monumentali ed i reperti più interessanti del periodo bizantino, arabo e normanno-svevo della Sicilia occidentale.

[Source : http://amsdottorato.unibo.it/6785/ ]

Isabella Laura BOLOGNESE, The Monastery of Montevergine,

Isabella Laura Bolognese, The Monastery of Montevergine Its Foundation and Early Development (1118-1210), Thèse de doctorat soutenue en 2013 (dir. G. Loud, The University of Leeds)

 

Résumé/abstract :

 

This thesis examines the institutional and socio-economic development of the monastery of Montevergine during the twelfth century in the Kingdom of Sicily.

Founded as a hermitage c. 1119 by the Italian hermit, William of Vercelli, Montevergine grew into a conventional Benedictine establishment by the end of the twelfth century. Over the course of the century, the religious community of

Montevergine built an extensive land patrimony that went hand in hand with the growth of its pool of donors, and consequently caused the institutional identity and structure to evolve, and the monastery to increase its network of dependencies across its landholdings. This thesis aims to disentangle the events surrounding the monastery’s foundation, to explore its economic activities, and its relationships with its donors and the local lay community.

The thesis is divided into two sections, the first taking a linear narrative approach to the study of Montevergine’s early development, and the second adopting a more thematic approach to the study of the economic, social, and institutional development of the monastery. Chapter 1 focusses on the foundation of Montevergine; Chapter 2 looks at its development during Norman rule of the Kingdom of Sicily; Chapter 3 follows its development during Hohenstaufen rule up to 1210; Chapter 4 surveys the geographical setting of Montevergine to provide a better understanding of its economic activities, which are the subject of Chapter 5.

Chapter 6 explores the monastery’s relationships with the laity and the networks it built among the local lay community; Chapter 7 looks at the internal administrative and institutional development of Montevergine, while Chapter 8 analyses the expansion of its monastic network, focussing on a number of the monastery’s dependencies as case studies.

 

PDF : http://etheses.whiterose.ac.uk/6500/1/I%20Bolognese_PhDThesis_corrected.pdf

Amy DEVENNEY, Miracles and medicine in the Norman Kingdom of Sicily

Amy Devenney, Miracles and medicine in the Norman Kingdom of Sicily, Thèse de doctorat en cours (co-dir. G. Loud, I. McCleery, P. Oldfield, University of Leeds)

 

Résumé/abstract :

 

My PhD research focuses on the issues of health and healthcare in the Norman Kingdom of Sicily. Using predominantly hagiographical sources it aims to understand the relationship between religion and medicine within this region; to explore the attitudes and experiences of medieval people towards health; to investigate the healthcare available to the sick in medieval Southern Italy; and to explore the medieval mentalities towards those cases that we would now term ‘mental’ illness.

[Source : http://www.leeds.ac.uk/arts/profile/20046/994/amy_devenney ]

Maria Rosaria FALCONE, Amalfi nei secoli XII-XIII

Maria Rosaria Falcone, Amalfi nei secoli XII-XIII, Thèse de doctorat soutenue en 2014, (dir. G. Vitolo, Università degli Studi di Napoli Federico II)

 

Résumé/abstract :

 

La tesi consiste nella continuazione del lavoro fatto agli inizi degli anni Settanta del secolo scorso da Ulrich Schwarz, il quale ha ricostruito gli archivi degli enti ecclesiastici e dei monasteri amalfitani limitatamente alla documentazione dei secoli IX-XI, sulla base della quale ha ripercorso le vicende del ducato dalle origini fino al 1100, quando ormai esso era già da tempo inserito nel Ducato di Puglia e Calabria fondato da Roberto il Guiscardo. La trattazione è ora concentrata sui due secoli seguenti, che videro l’affermazione definitiva della presenza normanna nel Ducato di Amalfi, l’inserimento dello stesso nel Regno di Sicilia creato nel 1130 da Ruggero II e quindi il passaggio, prima, alla dinastia sveva e poi a quella angioina fino alla morte di Carlo II d’Angiò nel 1309: due secoli di fondamentale importanza per la storia del Mezzogiorno e di Amalfi sia dal punto di vista dell’assetto politico-amministrativo centrale e periferico sia per quanto riguarda i nuovi equilibri che si vennero formando all’interno del ducato (come entità territoriale e non più politica) in seguito alla perdita del preminente ruolo politico da parte di Amalfi e all’affermazione di Ravello e Scala, che insieme a Lettere e a Capri erano diocesi suffraganee della sede arcivescovile amalfitana. Il punto di partenza è stato una ricognizione sistematica delle fonti disponibili, in maggioranza edite ma nelle sedi più disparate, di cui è stato fatto un repertorio sistematico sulla base dei regesti, suddivisi per archivi di provenienza: Archivio di Santa Maria di Fontanella (1100-1269), con documentazione proveniente dagli archivi dei monasteri dei SS. Cirico e Giulitta di Atrani, S. Tommaso Apostolo, S. Angelo de Mare; Archivio di Santa Maria Dominarum (1270-1308); Archivio di S. Lorenzo del Piano (1100-1308); Archivio vescovile di Ravello (1101-1308); Archivio arcivescovile di Amalfi (1103-1308). La tesi è corredata da una Appendice documentaria con 11 documenti inediti del secolo XII, rinvenuti nell’Archivio della Badia di Cava de’ Tirreni: documenti che costituiscono un incremento non irrilevante della documentazione amalfitana originale, dopo che nel 1943 è andata distrutta tutta quella dei monasteri soppressi agli inizi dell’Ottocento, conservata nell’Archivio di Stato di Napoli. Sia essi sia i regesti dei documenti editi saranno messi a disposizione degli studiosi online sul portale internazionale Monasterium.Net, gestito da ICARus (International Center for Archival Research), un vasto consorzio di molteplici archivi e università europee, coordinato da Manfred Thaller dell’Università di Colonia, il fondatore delle Digital Humanities in Europa e il primo ad aver effettuato riflessioni sui documenti storici digitalizzati.

[Source : http://www.fedoa.unina.it/9936/ ]

Lev KAPITAKIN , ‘The Twelfth-century Paintings of the Ceilings of the Cappella Palatina,

Lev Kapitakin , ‘The Twelfth-century Paintings of the Ceilings of the Cappella Palatina, Palermo’, Thèse de doctorat soutenue en 2011, (dir. Jeremy Johns, The Khalili Research Centre for the Art and Material Culture of the Middle East)

 

[Lien/Link : http://krc.orient.ox.ac.uk/krc/index.php/en/students ]